Un festival per tutti


“Prendete la vita con leggerezza, che leggerezza non è superficialità, ma planare sulle cose dall’alto, non avere macigni sul cuore”

Italo Calvino

35 Relatori

Umanisti, scienziati, giornalisti, scrittori, artisti e atleti contribuiranno, con momenti di riflessione e approfondimento, a leggere il tema da diverse prospettive.

24 appuntamenti

Conferenze, incontri con l’autore, esibizioni artistiche, laboratori, musica e teatro.
Tante proposte per coinvolgere ogni pubblico.


  • Giovedì 21

    settembre

  • 10:00 - Teatro Galletti
    La leggerezza è il grande dono dell’adolescenza ma nuovi pericoli possono insinuarsi nel percorso di crescita dei giovani. Bullismo e cyberbullismo sono la nuova frontiera cui bisogna prestare attenzione, anche attraverso l’uso responsabile delle tecnologie e del web.
    Il primo appuntamento del festival Domosofia è dedicato proprio a queste tematiche e si rivolge al mondo della scuola. La giornalista de La Stampa Laura Carassai (che è stata caporedattore centrale e per decenni caporedattore delle edizioni provinciali) guiderà i piccoli ospiti ad approfondire questi temi attraverso diversi contributi dinamici e interattivi. Interverranno la dottoressa Assunta Esposito, Vicequestore aggiunto del compartimento Polizia Postale di Torino, che conduce campagne di sensibilizzazione nelle scuole italiane, Michele Facci, psicologo, che si concentrerà sulla comprensione di cyberbullismo e bullismo e delle loro implicazioni psicologiche e legali. Ci sarà anche Elisa Maino, quattordicenne di Riva del Garda star del web con centinaia di migliaia di follower; ha vissuto episodi di bullismo, ma ha saputo trasformare i social in un autentico punto di forza. Infine Anastasia Buda, Corporate citizenship manager di Samsung Italia, che interverrà sull’uso consapevole delle tecnologie.
    Conferenza
    Dove
    Teatro Galletti

  • 14:00 - Cappella Mellerio
    Laboratorio
    Dove
    Cappella Mellerio

  • Venerdì 22

    settembre

  • 10:00 - Teatro Galletti
    Immaginare il futuro oggi è una sfida per i giovani pronti ad affacciarsi al mondo del lavoro o al percorso degli studi universitari. Con gli studenti delle scuole superiori Domosofia vuole andare alla scoperta delle possibilità che possono spalancarsi loro. Un atteggiamento positivo, “leggero” e aperto ai continui cambiamenti che la società impone è una chiave di approccio fondamentale per affrontare le sfide cui i giovani sono chiamati.
    Il giornalista de La Stampa Francesco Moscatelli dialogherà con Adriano Sarazzi, imprenditore locale, Vittoria Riboni, in passato ingegnere a Milano e ora giovane titolare di un'azienda agricola con sede a Baceno. Sarà presente inoltre Fabio Zecchini, cofondatore della startup Musement, una piattaforma digitale per scoprire le principali attrazioni delle città con offerte su misura, che ha conquistato a più riprese finanziamenti per diversi milioni di dollari. Tutti testimoni di sfide vincenti condotte grazie al coraggio e alla sana spregiudicatezza di chi si mette in gioco.
    Uno spazio sarà anche riservato al mondo della tecnologia e alle opportunità lavorative che essa offre con Anastasia Buda, Corporate citizenship manager di Samsung Italia. Interverranno anche Claudia Baracchi, docente di filosofia morale all’Università di Milano Bicocca, che per molti anni ha insegnato negli Stati Uniti, e Piero Parietti, psichiatra e psicoterapeuta, condirettore della rivista Riza Psicosomatica. 
    Conferenza
    Dove
    Teatro Galletti

  • 17:30 - Cappella Mellerio
    Intervista di Carlo Bologna, capo servizio delle edizioni di Novara e Vco de La Stampa.
    Di vite nella sua lunga carriera da psichiatra Eugenio Borgna ne ha incontrate tante. Ha ascoltato le loro fragilità ma anche le loro forze in un lungo dialogo di comprensione, vicinanza e riconoscimento. Dialogo e comunicazione intrisi di parole che salvano e creano relazioni vere, non solo tra terapeuta e paziente, ma anche tra amici, familiari o con chiunque si instauri una relazione.
    Questo incontro con uno dei più esperti psichiatri italiani ci permetterà di scoprire se e come sia possibile accostare la leggerezza a una realtà così intricata come è la mente umana.
    Conferenza
    Dove
    Cappella Mellerio

  • 18:15 - Piazza Rovereto
    Nell’era della tecnica l’amore ha preso diverse forme. Quali mutamenti  sono intervenuti? Non c’è parola più equivoca di ‘amore’ e più intrecciata a tutte quelle altre parole che, per la logica, sono la sua negazione. Lo dice il filosofo Umberto Galimberti, e ne parlerà a Domosofia, a partire dal suo libro Le cose dell’amore. Attrazione, corteggiamento, seduzione, tradimento, separazione e solitudine. Gli “enigmi” dell’amore saranno i protagonisti di questo appuntamento.
    Nella pesantezza dell'ordinario, l'amore può essere un mezzo per ritrovare la leggerezza?
    Conferenza
    Dove
    Piazza Rovereto

  • 21:00 - Teatro Galletti
    Silvio Mondinelli: “Sorridere (e respirare) a ottomila metri”.
    Damiano Lenzi: “Dopo il Mezzalama i cinque cerchi?”.
    Giulio Ornati: “Correre con le aquile”.
    A Domosofia ovviamente non poteva mancare un appuntamento dedicato alla montagna. Enrico Martinet, giornalista La Stampa e grande conoscitore di questo mondo, ci accompagnerà in una conversazione con tre grandi atleti: Silvio Mondinelli, detto Gnaro, Damiano Lenzi e Giulio Ornati.
    Leggerezza come ascesa, raggiungimento della vetta come metafora di vita.
    Conferenza
    Dove
    Teatro Galletti

  • 21:00 - Cappella Mellerio
    A cura del Laboratorio di Narrazione di Verbania, autrice del testo Alessandra Freschini.
    A sessant’anni dalla pubblicazione di quello che poi è diventato un classico senza tempo, ovvero il romanzo “Il barone rampante”, il Laboratorio di Narrazione omaggerà Italo Calvino e la leggerezza. La rappresentazione teatrale vedrà come protagonista il famoso scrittore intervistato da un giornalista, in un dialogo in cui saranno tessute le lodi alla leggerezza e spiegati i segreti per sfuggire allo sguardo pietrificante della Medusa. Tante le storie raccontate all'interno dell'intervista e le suggestioni tratte da "Il visconte dimezzato", “Il barone rampante” e "Il cavaliere inesistente".
    Teatro della narrazione
    Dove
    Cappella Mellerio

  • Sabato 23

    settembre

  • 11:00 - Cappella Mellerio
    Conducono Davide Boretti, giornalista La Stampa, e Dario Falcini, Giornalista radio e web.
    Edoardo Maturo prenderà per mano grandi e piccini e li guiderà in un viaggio attraverso la storia di una delle squadre che ha fatto la storia del calcio italiano, il Milan. I dribbling di Weah, le acrobazie di Van Basten e le magie di Savicevic diventano nel romanzo Papà Van Basten e altri supereroi le gesta di supereroi che sanno incantare con i loro superpoteri chiunque, ma soprattutto i più piccoli. Nel libro protagonista è Edoardo preoccupato di voler crescere un figlio bello e sano, ma soprattutto milanista.
     L'autore potrà inoltre raccontare di come il suo libro, nato per gioco e portato alla stampa e quindi al successo grazie a un'iniziativa di crowdfunding, sia un esempio di come si muova oggi il mondo dell'editoria per gli esordienti.
    "Papà, Van Basten e altri supereroi" è oggi anche una community che riscuote sempre più interesse sui social, aderendo in questa maniera all'evoluzione che i social network stanno innescando davvero su tutti i fronti. 
    Incontro con l'autore
    Dove
    Cappella Mellerio

  • 11:30 - Piazza Repubblica dell
    Frizzo, personaggio comico e burlesco nato e cresciuto in Ossola e ora diventato girovago del mondo, intrattiene il pubblico con enfasi ironica e grandi colpi tecnici in uno spettacolo dove l'attore in scena crea una dimensione “familiare” interagendo con il pubblico, scherzando con se stesso, mostrando tecniche di giocoleria.
    Con eleganza e humor proporrà virtuosismi calcistici, danze particolari e improvvisazioni clownesche. Il tutto velato da un'atmosfera confidenziale che farà di questo spettacolo un momento di condivisione per un pubblico di tutte le età.
    Arte di strada
    Dove
    Piazza Repubblica dell

  • 15:30 - Cappella Mellerio
    Modera Cristina Pastore, giornalista La Stampa.
    Un viaggio dentro la meravigliosa intraducibilità degli adolescenti scritto da uno dei prof. più social e più amato dai ragazzi. Tra sogni, rabbia, paure e desideri, il prof. Enrico Galiano ci porterà a visitare questo strano grande universo che è il cuore dei nostri ragazzi. 
    "Eppure cadiamo felici" è un romanzo su quel momento in cui il mondo ti sembra un nemico, ma basta appoggiare la testa su una spalla pronta a sorreggere, perché le emozioni non facciano più paura e si possa cominciare a percepire la leggerezza della felicità.
    “Il fatto è che certe cose le puoi dire solo a chi sai che le può capire. Che è anche il motivo per cui parliamo così poco di quello che ci importa davvero. Alla fine, trovare qualcuno con cui parlare è difficile, sì, ma non è quella la cosa più difficile. Il difficile è trovare chi ti sappia fare le domande giuste, quelle per cui hai la risposta lì da anni senza neanche saperlo”.
    Incontro con l'autore
    Dove
    Cappella Mellerio

  • 16:30 - Piazza Mercato
    Giornata nazionale di sensibilizzazione alla donazione di Midollo osseo con le associazioni ADMO e DOMO e animazione da parte di Dottor Clown e del duo di artisti di strada Micky e Sasà.
    Maggiori informazioni su: www.donatorimidollovco.org
    Dove
    Piazza Mercato

  • 16:30 - Piazza Rovereto
    Moderano Davide Boretti, La Stampa, e Dario Falcini, giornalista radio e web.
    Claudio Gentile è considerato uno tra gli inossidabili del calcio italiano. Nato in Libia, si è trasferito giovanissimo in Italia e ha giocato per oltre dieci anni nella Juventus di Trapattoni, Zoff, Platini e Scirea. È stato un protagonista dei Mondiali '82 ed è ricordato dagli appassionati in particolare per aver tenuto testa a due campioni come Maradona e Zico.
    Dalla biografia "E sono stato gentile" scritta a quattro mani con Claudio Gentile, Alberto Cerruti, storica firma della Gazzetta dello Sport ripercorrerà le tappe di uno dei miti del calcio.
    Ci si potrà poi soffermare sull’Italia calcistica, dove ciascuno si sente un po’ commissario tecnico e il calcio non è sempre preso con la dovuta “leggerezza”.
    Incontro con l'autore
    Dove
    Piazza Rovereto

  • 17:15 - Cappella Mellerio
    Intervista di Chiara Fabrizi, La Stampa.

    Fabiana Giacomotti: "La consistenza della moda".
    Che la moda sia permeata di leggerezza ne sono convinti in tanti. Scandagliando con accuratezza quello che si nasconde dietro le quinte di questo mondo patinato si scopre una durezza e una severità non di poco conto.
    Prendendo spunto dal suo ultimo libro La moda è un mestiere per duri ne parlerà Fabiana Giacomotti, giornalista de Il Foglio.

    Simona Bencini: “La sostenibile leggerezza della musica leggera”.
    La musica “leggera” è banalità? La cantante Simona Bencini, storica voce dei Dirotta su Cuba, scardinerà questo accostamento. Si tratta infatti di una forma musicale che sa avere sostanza sia a livello professionale sia di contenuti.
    Grazie alla sua personale esperienza potrà raccontare cosa ci sia dietro il successo e quanto sia importante sapere reinventarsi e infondere un’evoluzione nelle forme artistiche, proprio come è stato fatto negli anni in cui la musica dance è stata ridefinita fino a introdursi nell’immaginario collettivo come musica di culto.
    Conferenza
    Dove
    Cappella Mellerio

  • 18:15 - Cappella Mellerio
    Introduce Cristina Pastore, giornalista La Stampa.

    Alla luce della lunga esperienza di Paolo Gallo – che ha lavorato in tutto il mondo in ogni genere di organizzazione – si indagheranno i criteri che permettono una carriera di successo, non solo per chi sta entrando nel mondo del lavoro ma anche per chi sente il bisogno di cambiare rotta. Consigli e strumenti per creare un proprio percorso, in linea con le aspettative e i valori di ciascuno.
    Per Paolo Gallo adattarsi alle regole non scritte delle organizzazioni non significa adeguarsi a qualunque costo. L’importante è capire quali siano i propri valori e qual è la cultura aziendale che li soddisfa, perché “solamente scegliendo e costruendo una carriera allineata ai nostri scopi e alle nostre motivazioni profonde, saremo in grado di fare un buon lavoro e di conseguenza avremo successo e gratificazioni”. 
    Questi sono i temi che Paolo Gallo ha affrontato nel suo libro La Bussola del successo (Rizzoli), che sta riscuotendo un consenso di pubblico davvero planetario.
    Incontro con l'autore
    Dove
    Cappella Mellerio

  • 19:00 - Piazza Rovereto
    Coordina Maria Fiorenza Coppari, giornalista.

    Le emozioni, fuggevoli o intense, accompagnano ogni momento della nostra vita assieme al pensiero. Sono allo stesso tempo reazioni corporee, manifestazioni d’animo, perfino cornici di un sentire globale.
    Un neuroscienziato con la passione per la filosofia e l'arte e un filosofo della scienza che coltiva l'attitudine al pensiero consapevole anche nei bambini guideranno il pubblico alla scoperta di una realtà quanto mai intrigante, quella delle emozioni e del peso "leggero" della mente nella nostra vita.
    Scoprendo cosa nascondono sentimenti come la paura e l’amore, Giovanni Frazzetto illustrerà un percorso che evoca la leggerezza come qualità che ci può portare a oltrepassare i confini, aiutandoci a imparare a conoscere, oltre che vivere, la vita e le relazioni.
    Fondamentale oggi la contaminazione tra diverse discipline per indagare i segreti della mente, il filosofo Fabio Minazzi si concentrerà sulla “leggerezza” della filosofia, un’attitudine che si presenta come una riflessione su tutti i patrimoni conoscitivi e tecnici.
    Conferenza
    Dove
    Piazza Rovereto

  • 21:00 - Piazza Mercato
    Saranno le voci di più di 80 ragazzi a risuonare in una piazza Mercato che per l’occasione sarà trasformata in un palcoscenico sotto le stelle con lo spettacolo di luci a cura di Electric Land. Michael Jackson, i Queen, musica dance Anni 70… Tante le riletture e gli arrangiamenti corali trasformate in proposte originali dal Coro Divertimento Vocale.
    Il gruppo coinvolgerà il pubblico in un concerto dove le sonorità delle diverse voci si amalgameranno a quelle delle band che dal vivo accompagnerà alcune delle esecuzioni dei brani.
    Il Coro Divertimento Vocale, guidato dal direttore musicale Carlo Morandi, spazierà tra una serie diversa di generi musicali per un ascolto sempre frizzante e dinamico.
    In caso di mal tempo il concerto si svolgerà all'interno del Teatro Galletti.
    Musica
    Dove
    Piazza Mercato

  • 21:00 - Cappella Mellerio
    Introduce Alessandro Grossi, editore e libraio.

    Eugenio Giudici racconta Anna Senzamore e la suite di Matteo. Intervento e letture di Enrico Maggi, Speaker ufficiale di Canale 5.
    La storia nel racconto è lo sguardo della leggerezza capace di inserire in un romanzo giallo tracce del passato storico. Anna Senzamore dello scrittore Eugenio Giudici è un romanzo ambientato a Domodossola nel 1932. Siamo in pieno periodo fascista e anche a Domodossola si festeggia il Natale di Roma con l’intervento delle autorità locali. Il vicecommissario Saro Di Matteo, in seguito promosso commissario, dalla sua sede di Novara viene inviato a Domodossola per investigare su di un omicidio.
    Grazie alle letture di Enrico Maggi, la voce ufficiale dei promo di Canale 5, si ascolteranno alcuni passaggi del romanzo che descrive la situazione italiana di quel tempo.
    Questo volume è il primo di una serie nella quale il lettore seguirà le indagini del protagonista, ambientate sempre nel 1932.
    Incontro con l'autore
    Dove
    Cappella Mellerio

  • Domenica 24

    settembre

  • 12:00 - Chiesa Collegiata
    Mediante l'organo della Chiesa Collegiata si propone un percorso musicale che faccia rivivere le atmosfere musicali del melodramma di fine '800.
    La leggerezza del tocco delle note si innesta su una sensibilità estetica capace al contempo di accogliere le diverse sensibilità della cultura europea e di elevare i moti dell'animo umano. Tra le differenti forme di sapere, la musica ha l'abilità di condurre l'ascoltatore - quasi indipendentemente dalla sua competenza musicale - verso le profondità dell'animo umano.
    Un sapere leggero, quindi - perché la musica è spesso vista anche come intrattenimento - che non si riduce però ad una mera perfomance, né ad un vacuo riempimento del silenzio. Al contrario, la musica - e il melodramma che qui si propone - sono delle vere e proprie narrazioni, che mostrando paesaggi interiori, aiutano l'uomo a comprendere, anche con leggerezza, la vita e le cose.
    Musica
    Dove
    Chiesa Collegiata

  • 15:30 - Piazza Rovereto
    ModeraMaria Fiorenza Coppari, giornalista.

    Arte e moda sono un binomio sul filo della creatività. Il festival dedicato alla leggerezza non poteva non dedicare attenzione alle tante sfaccettature dell'estro creativo che fa sì che l'arte influenzi la moda e che uno stilista possa creare modelli che paiono un'opera d'arte.
    Non c'è da stupirsene: l'arte condivide con la moda l'esigenza di dar voce non solo al talento individuale del creativo, ma anche di individuare e influenzare il gusto di un pubblico mai come oggi attento all'immagine e al suo significato.
    Conferenza
    Dove
    Piazza Rovereto

  • 16:00 - Cappella Mellerio
    Carmelo Vigna: La leggerezza del desiderio.
    Conduce Fabio Mancini, Presidente Associazione De Claritate Mentis.

    L’Occidente – e non solo – è malato nel suo desiderio. Riusciamo a difenderci molto più di prima dagli attacchi che vengono dalle cose a noi ‘esterne’, che ci fanno ammalare nel corpo; riusciamo a difenderci molto meno di prima dagli attacchi che vengono dalle cose a noi ‘interne’, che sono cose di desiderio e che ci fanno ammalare nell’anima. Storditi dalla facile disponibilità di beni materiali, crediamo ingenuamente che anche i beni dello spirito siano subito a portata di mano.
    Ma la felicità, la gioia di vivere, la benevolenza, la sobrietà, l’ordine degli affetti, la solidità dei legami e cose simili non si possono comprare al supermercato. Sono, piuttosto, modi di incontrare gli altri e il mondo, cioè ‘dis-posizioni’ permanenti, frutto di scelte mirate e a lungo ripetute. Una volta queste disposizioni si chiamavano ‘virtù’ e l’insieme organico di queste virtù si chiamava ‘saggezza’.
    Ebbene, proprio la “saggezza” è la cifra vera della leggerezza della vita.



    Antonio Sgobba: Le sorprese dell'ignoranza.
    Introduce Fabio Mancini.

    Che cosa c’entra la leggerezza con l’ignoranza? Quando parliamo di leggerezza intendiamo almeno due cose diverse. Da una parte: agilità, sveltezza, scioltezza, facilità, spontaneità. Dall’altra: poca serietà, incostanza, volubilità. E come se ci fosse una leggerezza buona e una cattiva.
    È così anche per l’ignoranza? Quanti tipi di ignoranza ci sono? Di solito tendiamo ad associarla a valori negativi, è sempre così?
    A partire dal libro "? Il paradosso dell’ignoranza da Socrate a Google", l’autore Antonio Sgobba guiderà il pubblico attraverso il suo ambizioso atlante dell’ignoranza, un racconto rigoroso e ironico che attraversa secoli di storie, libri, memorie, teorie scientifiche; mette in dialogo grandi filosofi del passato come Platone, Kant e Nietzsche con i politici di oggi; apre dispute tra giornalisti e burocrati dell’Ottocento, sociologi e scrittori, ottimisti e pessimisti, poeti e criminali.
    Conferenza
    Incontro con l'autore
    Dove
    Cappella Mellerio

  • 16:30 - Piazza Rovereto
    Introduce Maria Fiorenza Coppari.

    Stella Pulpo: Come ci si disfa di un amore?
    Dopo la fortuna del blog Memoria di una vagina, la penna di Stella Pulpo ha creato "Fai uno squillo quando arrivi" (Rizzoli), il suo scoppiettante romanzo d’esordio.
    Come poter affrontare con quella leggerezza necessaria a dire addio a quello che si è sempre creduto il grande amore della propria vita? Nina è la protagonista del romanzo che racconta l'epopea vissuta con il grande amore della sua vita che le ha spezzato il cuore sposandosi con un'altra. Nina ha trent’anni e un amore autoimmune nell’anima, “al quale si sopravvive, ma dal quale non si guarisce”.
    Una storia fatta di andate e ritorni - quanti tentativi sono ammessi prima di dichiarare una storia finita? - su e giù per l’Italia ma anche nel tempo. I mitici Anni ‘90 si insinuano con una sorta di revival nella vita dei personaggi dei libri, con i sentimenti prima delle dating app, quando la tecnologia era imperfetta e l’amore sembrava molto più facile.



    Giovanni Cafaro: Quando la coda diventa business.
    Quante volte avrete pensato durante le interminabili code negli uffici “Ah, se ci fosse qualcuno al mio posto!”. L’attesa è un peso per molti, ma per Giovanni Cafaro è diventata una fortuna. Tre anni fa ha inventato il lavoro del codista, una persona che fa le code per gli altri, per chi non ha tempo o voglia. Un dialogo per scoprire come far nascere qualcosa di buono e fare di necessità virtù.
    Conferenza
    Incontro con l'autore
    Dove
    Piazza Rovereto

  • 16:30 - Piazza Mercato
    Frizzo, personaggio comico e burlesco nato e cresciuto in Ossola e ora diventato girovago del mondo, intrattiene il pubblico con enfasi ironica e grandi colpi tecnici in uno spettacolo dove l'attore in scena crea una dimensione “familiare” interagendo con il pubblico, scherzando con se stesso, mostrando tecniche di giocoleria.
    Con eleganza e humor proporrà virtuosismi calcistici, danze particolari e improvvisazioni clownesche. Il tutto velato da un'atmosfera confidenziale che farà di questo spettacolo un momento di condivisione per un pubblico di tutte le età.
    Arte di strada
    Dove
    Piazza Mercato

  • 17:00 - Piazza Mercato
    Cinzia Scaffidi, autrice del fortunato saggio Mangia come parli, pubblicato nel 2014 con la prefazione di Tullio De Mauro, del cibo conosce non solo ogni parola usata per descriverlo, ma anche ogni possibile riferimento gastronomico, storico, antropologico, dietetico, psicologico, salutistico… Per cui le cento parole citate nel sottotitolo del volume sembrano davvero poche, ascoltandola parlare di cibo e alimentazione a 360 gradi.
    Se siamo ciò che mangiamo, tanto più ha valore cosa mangiamo e come. La buona tavola, soprattutto se condivisa con commensali ben disposti, può aggiungere leggerezza alla nostra vita, regalandoci la giusta pausa per rinnovare le nostre energie e risollevare lo spirito, influendo sul benessere del nostro fisico, ma anche su quello della nostra mente.
    Incontro con l'autore
    Dove
    Piazza Mercato

  • 17:30 - Piazza Mercato
    Parola alla gastronomia locale. Quale leggerezza nella ristorazione?
    Saranno ospiti Massimo Sartoretti, Trattoria Divin Porcello, Sergio Bartolucci, Ristorante Eurossola, Matteo Sormani, Locanda Walser Schtuba, Andrea Ianni, Trattoria Vigezzina.
    Conferenza
    Dove
    Piazza Mercato

  • 18:30 - Piazza Mercato
    Incontro con il direttore de La Stampa Maurizio Molinari. Conduce Ivan Fossati, responsabile della redazione del Vco La Stampa. “Lavorare, amare, studiare, sorridere, crescere. Anche dove guerre e terrorismo mettono la vita a dura prova”.
    Il Direttore de La Stampa Maurizio Molinari sulla base della sua esperienza di vita e professionale racconterà come la forza della leggerezza sia un fondamentale antidoto in quei Paesi dove le guerre e il terrorismo mettono la vita a dura prova.
    Conferenza
    Dove
    Piazza Mercato

  • 19:30 - Piazza Mercato
    Aperitivo finale alle 19.30 in Piazza Mercato a cura di Cooking for Alp con i prodotti della terra ossolana.
    Dove
    Piazza Mercato

La meravigliosa cornice delle vie e delle piazze del centro storico di Domodossola.
Appuntamenti al chiuso e all’aperto.

DOVE
Domodossola, VB
Centro Storico

QUANDO
Da Giovedì a Domenica
21-24 settembre 2017


Partner

Sponsor